OGGI MI CONCEDO IL CAMBIAMENTO

7 agosto 2020
oggi mi concedo il cambiamento

E mentre guardava lontano, oltre l’orizzonte vide tra il verde della valle il suo posto perfetto: è lì che sarebbe andata e avrebbe incontrato il cambiamento. Dopo tanto cercare, si era lasciata andare e magicamente aveva trovato la sua direzione. Fissò a lungo quel piccolo spazio di verde che sembrava così lontano, ma che era sempre appartenuto al suo cuore. Lo fissò come se volesse prendere le misure per una decisione diversa dal solito, quelle decisioni che ti fanno guardare avanti, col mento alzato e le spalle dritte.

Fece un respiro e decise che era il momento. Arretrò di qualche passo, si fermò ad ascoltare il cuore e attese quel battito che puoi sentire solo una guerriera. È il battito dell’intento. Fece qualche passo camminando e poi niziò a correre, fino a che chiuse gli occhi e con un balzo fu nel vuoto. Per pochi istanti le sembrò di cadere ma non ebbe paura. Con un gesto naturale allargò le braccia, riaprì gli occhi e iniziò a volare leggera, determinata e con la forza nel cuore verso la sua meta, oltre ogni limite.

Ti ho appena raccontato un sogno ricorrente che ritorna come messaggero ogni volta che incrocio il cambiamento. Vivo così la trasformazione, come fosse un consapevole salto nel vuoto. Non so ancora come sarà il volo, ma ho ben chiara la meta, ed è quella che ricordo a me stessa nei momenti in cui mi trovo di fronte a emozioni contrastanti, dove concedo ai dubbi e alle interferenze di prendersi il loro spazio.

Tornare indietro non è mai possibile. La vita è uno scorrere in avanti verso il cambiamento e tutti i futuri che possiamo immaginare, ed è bene sapere dove vogliamo andare altrimenti il nostro zigzagare senza meta sarà pieno di sconforto. Perché è quello che sperimentiamo quando camminiamo svogliati alla ricerca di qualcosa o qualcuno che possa rendere migliore la nostra vita.

Oggi fermati se ti è possibile e non intendo solo fisicamente. Ferma la tua mente impegnata nel vortice della ricerca di una felicità effimera fatta di carenze e bisogni. Rallenta il passo e ascolta cosa dice il tuo cuore. In passato hai sognato di essere felice e quel sogno era così vivido e reale che ti sembrava vero. Ed era così. Eri protagonista del tuo sogno.

Col tempo forse qualcuno ti ha detto di stare coi piedi per terra, che sognare è solo fantasia, e la magia che crea la realtà di questo mondo ha cominciato a spegnersi

Il sogno non è svanito anche se a te sembra che sia così. Non lo ricordi: tutto qui! L’hai solo chiuso in una torre altissima per non sentire il richiamo. E quando il sogno felice viene per avvolgerti, tu lo guardi e poi volti le spalle dicendo: «È solo un sogno che non potrò mai realizzare. La vita vera è tutta un’altra cosa!»

Invece di pensare che non puoi più sognare, cambia pensiero. I pensieri sono fatti per essere trasformati. Magari non sarà semplice o immediato il cambiamento, forse ci vorrà un po’ di allenamento, ma se persisti a voler guardare in un altro modo, vedrai accadere magie.

E a tutte le emozioni contrastanti, ai no, ai non posso, non ce la faccio, non fa per me, è troppo tardi e via discorrendo, impara a dire «Grazie della tua compagnia. Ora sei libero. Vai in pace» e senti come ci si sente ad essere padrone delle tue magie.

Lo puoi fare!

 

Se vuoi leggere gli altri articoli di Le relazioni im-Possibili  li trovi qui ► spiritualcoach.it/relazioni-im-possibili